Trauma cranico nei luoghi di lavoro

trauma cranico Un trauma cranico consiste di lesioni al cranio, lesioni cerebrali e lesioni focali e diffuse al tessuto cerebrale. Le cadute sul lavoro sono le maggiori cause legate a traumi alla testa. Altre cause legate al lavoro comprendono di essere colpiti da attrezzature, macchinari o oggetti correlati, e di veicoli stradali a motore. I tassi di lesioni cerebrali sul lavoro sono nettamente più elevati tra i giovani lavoratori rispetto a quelli più anziani .

Occupazioni a rischio

I lavoratori coinvolti nel settore minerario, la costruzione, la guida di veicoli a motore e l’agricoltura sono a rischio più elevato. Il trauma cranico è comune in sportivi, come pugili e giocatori di calcio.

Neurofisiopatologia

La frattura del cranio può avvenire con o senza danni al cervello. Tutte le forme di danno cerebrale, sia derivanti da penetrazione o trauma cranico, possono portare allo sviluppo di rigonfiamento del tessuto cerebrale.
Lesioni cerebrali focali (epidurale, ematomi subdurale o intracranico) possono causare non solo danni al cervello locale, ma un effetto di massa all’interno della scatola cranica, con conseguente spostamento della linea mediana, ernia e, infine, compressione del tronco cerebrale , causando , prima un livello in calo di coscienza, poi arresto respiratorio e morte.

Epidemiologica dei dati

Ci sono poche statistiche affidabili sull’incidenza della lesione alla testa da attività legate al lavoro.
Negli Stati Uniti, le stime di incidenza di lesioni alla testa indicano che almeno 2 milioni di persone incorrono in tali lesioni di ogni anno, con quasi 500.000 ricoveri ospedalieri conseguenti . Circa la metà di questi pazienti sono stati coinvolti in incidenti automobilistici.
Uno studio di lesioni cerebrali nei residenti della contea di San Diego, California nel 1981 ha mostrato che il tasso di infortuni sul lavoro generale per i maschi era del 19,8 per 100.000 lavoratori (45,9 per 100 milioni di ore di lavoro). I tassi di incidenza di lesioni cerebrali sul lavoro per il personale civile e militare maschi erano 15,2 e 37,0 per 100.000 lavoratori, rispettivamente. Inoltre, l’incidenza annuale di tali lesioni è stata 9,9 per 100 milioni di ore di lavoro per i maschi nella forza lavoro (18,5 per 100 milioni di ore per il personale militare e 7,6 per 100 milioni di ore di civili). Nello stesso studio, circa il 54% delle lesioni cerebrali sul lavoro civili risultato di cadute, e l’8% ha coinvolto on-road incidenti automobilistici .

Segni e sintomi

I segni ed i sintomi variano tra le diverse forme di trauma cranico e in che luogo c’è stata la lesione celebrale. In alcune occasioni, molteplici forme di trauma cranico possono verificarsi nello stesso paziente.

Le fratture della base del cranio, in cui le fratture di solito non sono visibili nelle radiografie del cranio convenzionali, possono essere meglio trovati da tomografia computerizzata (TAC). Può anche essere diagnosticata con risultati clinici, come la perdita di fluido cerebrospinale dal naso (QCS rinorrea) o dall’orecchio (CSF otorrea), o sanguinamento sottocutaneo presso le aree periorbitali o mastoide, anche se questi possono richiedere 24 ore per apparire.
Lesioni dei tessuti cerebrali focali

Ematomi:

L’ematoma epidurale è solitamente dovuto a sanguinamento arterioso e può essere associato ad una frattura del cranio. Il sanguinamento si vede chiaramente ,essa è caratterizzata clinicamente da perdita di coscienza transitoria immediatamente dopo la lesione, seguito da un periodo lucido. La coscienza può deteriorarsi rapidamente a causa della crescente pressione intracranica.
L’ematoma subdurale è il risultato di sanguinamento venoso sotto il cranio. L’rmorragia subdurale può essere classificata come acuta, subacuta o cronica, basandoci sul decorso dello sviluppo dei sintomi. I sintomi derivano dalla pressione diretta alla corteccia. La TAC della testa spesso mostra un deficit a forma di mezzaluna.
I sintomi sono solitamente drammaticI e comprendono un livello ridotto di coscienza acuta e segni di aumento della pressione intracranica, come mal di testa, vomito, convulsioni e coma. L’emorragia subaracnoidea può avvenire spontaneamente come il risultato di un aneurisma, o può essere causata da trauma cranico.
Nei pazienti con qualsiasi forma di ematoma, deterioramento della coscienza, omolaterale pupilla dilatata e haemiparesis controlaterale suggerisce un ematoma in espansione e la necessità di una valutazione neurochirurgica immediata.

Contusione cerebrale:

Questo presenta perdita temporanea di coscienza o deficit neurologici. La perdita di memoria è frequente.La TC mostra più piccole emorragie isolate nella corteccia cerebrale. I pazienti sono a più alto rischio di una successiva emorragia intracranica.
Lesioni dei tessuti cerebrali diffuse

Trattamento e la prognosi

I pazienti con trauma cranico devono essere trasportati immediatamente al pronto soccorso, e una consulenza neurochirurgica è importante. Tutti i pazienti sono noti per essere incoscienti per più di 10 a 15 minuti, o con una frattura del cranio o un’anomalia neurologica.
A seconda del tipo e della gravità del trauma cranico, la fornitura di ossigeno supplementare, adeguata ventilazione, diminuzione di acqua cervello somministrazione endovenosa di agenti ad azione rapida iperosmolari (ad esempio, mannitolo), corticosteroidi o diuretici, e decompressione chirurgica possono essere necessari. Riabilitazione appropriata è consigliabile in una fase successiva.
Uno studio multicentrico ha rivelato che il 26% dei pazienti con trauma cranico grave ha un buon recupero, il 16% è stato moderatamente disabilitato, e il 17% erano o gravemente disabili o vegetativa (Gennarelli e Kotapa 1992).

Prevenzione

I programmi di sicurezza e di educazione sanitaria per la prevenzione degli infortuni sul lavoro deve essere effettuato a livello aziendale per i lavoratori e la gestione. Le misure preventive devono essere adottate per limitare l’insorgenza e la gravità delle lesioni alla testa dovute a cause come cadute e incidenti di trasporto legati al lavoro.